detti lapiani 2-lapio.org

modi di dire dei lapiani


Apparenza 'nganna

(L’aspetto esteriore spesso inganna)

Tu sì’ quero cà tieni

(La gente ti stima per quanto possiedi)

 Quero ch’è stato è stato!

(Ciò che è stato è stato)

 Quero ch'è stato non torna cchiù

(Il passato, con quanto di bello o di brutto aveva, non farà più ritorno)

 E’ sicuro ng’è stà sulo a morte

(Di certo c’è soltanto la morte. Nulla è sicuro, eccetto la morte)

 Prométte certo… e manca sicurò

(Promette con assoluta certezza e con altrettanta certezza non mantiene quanto ha promesso)

 A ò prèote, a ò miereco e a mammana s’adda rice sempè a veretà! 

(Non bisogna nascondere la verità al prete, al medico, alla levatrice)

 A veretà và sempe ‘nanzi.

(La verità cammina con passi spediti. Alla fine la verità vince)

 O’ munno rà veretà.

(Il mondo della verità, l’aldilà dove la bugia non è conosciuta)

 A uòmmeni cà giurano, a cavallo cà sura, a femmena cà chiange

mai s’adda crere.

(Mai prestare fede all’uomo che giura, al cavallo che suda, alla donna che piange)

Non crere a quero cà sienti, e manco a  crere sempe a quero ca viri.

(Non credere a ciò che si dice, non pretendere per vero nemmeno ciò che vedi. Anche gli occhi a volte ingannano)

 Chi crere e sapé tutto, viri cà non sape mai nienti.

(Guardati da chi presume di sapere tutto, perché alla fin fine non sa nulla)

 Non tè firà r’ò muscio-surdo

(Non fidarti di chi finge di non sentire e di non interessarsi a nulla. Non fidarti dell’acqua cheta, insomma)

Fémmena fàoza cò rosario mano tene ò rasùlo sott’a  ò senàle.

(La donna falsa stringe in una mano il rosario, mentre tiene nascosto il rasoio sotto il grembiule)

Fatti li cazzi tui… sempe si l’ati tè fanno fa’.

(Bada agli affari tuoi… sempre se non trovi chi te lo impedisce, impacciandosi dei tuoi).

 Chi t’accarezza e t'è face lavi, si non t'è nganna òi, te nganna crai

(Chi ti accarezza e ti fa le moine, se non ti inganna adesso, ti inganna domani. ).

Non rire rè i mali e l’ati

(Non farti beffe del male che colpisce gli altri)

Chi òle ò male e l’ati, ò suo sta arreto a porta.

(Chi desidera il male degli altri, il suo è già dietro la porta)

 Fa sempe ’ bbene, cà non sbagli mai.

(A fare il bene non si sbaglia mai)

 Chi face bene, aspetta premio

(Chi fa il bene si aspetti una ricompensa)

 O' puorco pe fa bene  mmore acciso

(il maiale fa bene in cambio viene ammazzato. Considerazione amara di chi ha provato l’ingratitudine del prossimo)

 Fa’ bene e scordatello, fa’ male e pienzace!

(Dimentica il bene che hai fatto, ma rifletti con timore sul male che hai ccommesso)

 Male non fa’,  e paura non avé

(Non temere niente se non hai fatto male a nessuno).

 Chi face  male penza semp’a male

(Chi abitualmente fa il male è sospettoso e vede il male in chiunque)

 Dio, non peggio!

(Dio, mai peggio! esclamò il cristiano che veniva trascinato via dalla corrente del fiume)

Chi sta buono non crere a nisciuno

(Chi gode benessere e buona salute non crede alla miseria e alle malattie degli altri)

O’ sano nun crere a ò malato

(Chi sta bene in salute non capisce il male degli altri)

 Se stèa meglio quanno se stèa peggio

(Si viveva meglio quando si viveva peggio)

 Chi è troppo buono ò pìgliano sempe pè fessa.

(Chi è buono di cuore è stimato sciocco)

 E’ buono sulo quanno rorme.

(E’ bravo solo quando dorme. Detto di un ragazzo irrequieto, ma anche di un adulto cattivo)

 Quanno sai cà non sì’ buono, non te mitti miezzo.

(Se non sei capace, è inutile che ti cimenti in un’impresa per te insuperabile)

 Pigliate ò buono quanno te càpita, cà ò brutto nòn manca mai.

(Prenditi il bene che la sorte ti manda, non lasciartelo sfuggire, perché il male non manca mai)

 Vizio e natura fin’a ò fuosso dura

(Un difetto di natura ci accompagna fino alla tomba)

 Ng’è sta chi cò na mano rà… e cò n’ata sò piglia

(C’è chi offre con la destra e se lo ripiglia con la sinistra)

 “Pacienza!” risse ò mònaco

(“Pazienza!” esclamò il monaco. Si dice nel sopportare un imprevisto o una persona molesta)

 Commè te 'ncazzi accussì te scàzzechi!

(Come sei montato in collera, così tu stesso ti smonti)

 Chi se piglia assai collera, priesto more.

(Non ha vita lunga chi si imbestialisce esageratamente)

 Si schifi,  sì’ schifato!

(Se mostri disgusto verso gli altri, finisci con avere lo stesso trattamento)

 Non tengo chi m’avanta e m’avanto  rà sulo!

(Siccome non c’è chi mi vanta, allora mi vanto da me stesso)

Chi s’avanta poco vale

(Chi vanta se stesso non vale molto. Lasciamo che siano gli altri a riconoscere i nostri meriti)

 Chi t’avanta  rà nanzi, a  rèto tè ‘ngiurea.

(Chi ti elogia quando sei presente, poi ti calunnia alle spalle).

 Ognuno s’avanta à robba soa

(Ciascuno vanta le proprie cose. Cioè le proprie virtù, la propria famiglia, le proprie azioni…)

 Chi cammina riritto campa affritto

(Chi agisce onestamente se la passa miseramente. Insomma, per vivere bene occorre trasgredire, imbrogliare, ricorrere agli espedienti)

 Vale cchiù nà bbona nommenata cà na cascia chiena è renari.

(Vale di più una buona fama che una cassa colma di denari)

 Fatte a bbona nommenàta e mìttete a dorme.

(Una volta che ti sei conquistata una buona fama, puoi vivere di rendita)

 Meglio na moglière cà porta onore e non tène niente.

(Meglio prendere in moglie una donna sana e illibata, anche se priva di dote)

 Si te pigli scuorno, riesti sempe riuno!

(Se hai vergogna di chiedere resti sempre digiuno)

 Spacca e mett’i ò sole

(Si vanta, millantando virtù e  proprietà stese al  sole che non ha)

 Non chiamà malatie cà peggio tè vene.

(Non lamentarti troppo del piccolo incoveninte perché ti potrebbe capitare di peggio)          

      Carne patuta non siente chiù dolùri.

(La carne che ha sofferto finisce per non sentire più dolore)

Chi è nato pè suffrì, fìno a che campa addà patì.

(Chi è venuto al mondo per soffrire è destinato a patire finchè campa)

 Ognuno se chiange i muorti sui.

(Ognuno si pianga il suo morto)

 Chi è cuntento è curnuto

(Vive contento, ignaro di tutto, chi è cornuto)

 Chi s’accontènta gode

(Si gode la vita chi si contenta di quel che ha).

 Contento tu, contenti tutti.

(Se sei contento tu e non ti lamenti, siamo contenti tutti noi altri)

 Accontentete e quero cà te manna ò Pataterno

(Bisogna che ti accontenti di ciò che ti manda il Padre Eterno)

 Accontentete e quero cà te passa o governo

(Mostrati contento di quanto ti passa il governo)

 Prima cà te lamienti vàrdete arrèto

(Prima di lamentarti di qualcuno, guardati alle spalle, a chi sta peggio di te)

 L'’uòmmini allegri, l’aiuta ò Pataterno; quiri affritti, ò riaolo sè  piglia.

(L’uomo allegro lo aiuta il Padre Eterno; l’uomo afflitto, il diavolo se lo piglia. Bisogna affrontare la vita con pazienza).

 Chi  tène i vài, sè  chiange

(La sventura ha da piangersela chi ne è rimasto colpito)

 I vài non benono mai suli.

(Un guaio non ci cade addosso mai da solo)

 I vài non benono senza c'à nisciuno e chiama

(La sventura ci colpisce senza che la invochiamo. Si vuol significare che una disgrazia non viene quando siamo noi a chiamarla in un momento di esasperazione)

E disgrazie venono sempe, afforza rè chiamà.

(Le disgrazie, a forza di chiamarle, finiscono col colpirti)

 A mala ciorta stà arrèt’a porta

(La mala sorte sta in agguato dietro alla porta di casa)

 A ciorta tò dà….. e a ciorta sò piglia

(La sorte come ti dà un bene, così te lo toglie)

 A mala ciorta a porta ò viento

(La sfortuna, la disgrazia arriva all’mpensata, imprevedibile come un soffio di vento)

 A furtuna è d’ò fessa

(La buona sorte spesso sceglie lo sciocco, che non sa apprezzarla)

Non ‘nge òle a zingara pà  ‘nduvinà

(Non occorre la zingara per sapere cioò che sarà. Talora è scontata lo conseguenza di un’azione)

 ‘Nduppamiento, è giovamiento!

(A volte una contrarietà può tramutarsi in un insperato vantaggio)

 Furtunato a o juoco, sfurtunato in  amore.

(Chi ha fortuna nel gioco delle carte, non ha fortuna in amore, con le donne)

 Chi tène bona ciorta è ‘nnato cò a cammìsa ‘ncuollo

(La fortuna è di chi è nato con la camicia. Cioè di quei bimbi che nascono avvolti nella placenta, a guisa di camicia)

 Chi non tène furtuna puro assettato le chiove ‘nculo

(Allo sfortunato piove sulle chiappe, pure quando sta seduto)

       A morte nò ‘nduppamiento vace trovanno

(La morte cerca solo un pretesto)

 Chi resperato campa, resperato more.

(Chi vive da disperato, da disperato finirà i suoi giorni)

 Tentà non è mai peccato

(A fare un tentativo non si commette peccato. Tentar non nuoce)

 Chi non te òle non tè  mmereta

(Chi non ti vuole come compagna non ti merita)

 Quanno uno òle, pote

(Solo se si vuole, si può. Volere è potere)

 Quanno dui se uonno, ciento non puonno.

(Se due giovani si vogliono fortemente, neppure in cento potranno contrastare la loro unione)

 È ghiuto nanzi …. a botta e perete e  pernacchi.

(Si è fatto strada ricorrendo a mezzucci, senza nessun merito reale)

 Mo’ cà so’ caruto mbàssa furtuna non me conosce chiù nisciuno.

       (Ora che sono caduto in miseria, tutti fingono di non conoscermi più)