iomara-lapio.org

abbascio à iomara

Il fiume Calore 
C’era una volta un fiume azzurro, che ora di azzurro ha solo il riflesso del cielo. 
Fino a 30 anni fa, come ben potete immaginare, il Calore era totalmente diverso, acqua cristallina e molti pesci. Stando in riva al fiume un’ intera giornata era più o meno questo lo spettacolo a cui si poteva assistere. 
Sotto il ponte della " Passarella" enormi branchi di sardelle, creavano, strusciandosi sui sassi, riflessi argentei. I Cavedani i piu bravi li catturavano con le mani tanto che erano abbondanti. 
I barbi mangiando sul fondo, ribaltavano i sassi, creando linee candide sul fondo.
Nelle serate primaverili, l’acqua ribolliva perché i pesci si cibavano delle innumerevoli libellule che schiudendo, si libravano nell’aria e poi, verso il tramonto, saltavano da ogni dove: era questo il segno dell’entrata in caccia della regina del fiume, la trota, pescata con un’arte, solo dai più bravi, perche in quel fiume ci era nata e ne conosceva ogni anfratto. 
Allora i pochi negozi di pesca vendevano solo qualche amo e qualche turacciolo (galleggiante) e come terminale si usava un crine di cavallo eppure i pesci si prendevano lo stesso anche senza le diavolerie super tecnologiche di oggi. 
E le esche? 
Bè si recuperavano sul posto, vermi e insetti erano i più gettonati ( e sanguette o capeciuccio).
I pesci del Calore non avevano bisogno di controlli del'ASL o quant’altro, perché l’acqua del fiume si poteva bere.
Poi arrivò il progresso e iniziarono i problemi. 
Le industrie cominciarono a scaricare detersivi e prodotti chimici. Incominciarono a scomparire molte creature fluviali, per primi i barbi e poi le trote. Fino ad arrivare ai giorni nostri, dove ormai non c'è più nessuna specie autoctona, e il Calore continua ad essere sempre più inquinato. 
I problemi ambientali restano e opacizzano l'ambiente, ma non tanto da cancellare i ricordi, molto azzurri...

durante l'abboffata

l'airone

ò bagno a lido lave

 

                                abboffata

 
                                                a scampagnata a iomara                                                        






            
                                          a lavà i panni a iomara                                                  
 
                   
                             a mangia sotto o platano, addò  "Vicienzo ò Prefetto" 



          
                                              nà pescatella

            
                                                     a torrecella